Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

XXI Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie

Dagli oltre 30mila di Messina ai 8mila di Reggio Emilia, più di 10mila a Torino, 40mila a Napoli, 15mila ad Aversa, oltre 10mila a Perugia. E poi Firenze, Imperia, Fano, Roma, Sestu (Ca). L'Italia, da Nord a Sud, ricorda la 900 vittime innocenti della mafia in occasione della XXI Giornata a loro dedicata. Oltre 350mila persone si sono ritrovate in piazza in diverse città d'Italia per l'iniziativa nazionale organizzata da Libera. In programma appuntamenti in oltre 2mila luoghi: scuole, fabbriche carceri, parrocchie. L'associazione guidata da don Luigi Ciotti ha scelto Messina come "capitale" di questa giornata. "Abbiamo voluto chiamare questo momento 'ponti di memoria e luoghi di impegno' - ha detto don Ciotti - perché per la prima volta a Messina e in altri 2mila luoghi in contemporanea in Italia il popolo di Libera è sceso in piazza. Il nostro paese ha bisogno di ponti che allargano le coscienze e traghettano le speranze". Sulla questione dei beni confiscati, don Ciotti ha ricordato che "nel 1996 abbiamo raccolto un milione di firme per chiedere la confisca e l'uso sociale di questi beni. Dei passi avanti si sono fatti. Il problema ancora una volta è l'accelerazione e le priorità che il parlamento deve dare per permettere più chiarezza, più velocità e più trasparenza. C'è una grande riforma da fare in Italia quella della nostra coscienza".

 
Messina | Galleria fotografica 
Alcune foto del 21 marzo in Italia

Rassegna Stampa

 

Comunicati

  1. 'Ndrangheta, gli imputati non vogliono studenti in aula. Il giudice: "Restino, è educativo"

    Al maxi-processo Aemilia un avvocato chiede che i ragazzi escano perché ci sono dei minorenni. La risposta: "E' bene che i giovani assistano per la loro formazione alla legalità".  Giuseppe Baldessarro | Repubblica Bologna 21 maggio 2016

  2. La lezione del prete di strada ai giovani industriali

    "L'economia va legata a due parole: etica ed ecologia. Voi potete riuscirci". Il quotidiano pubblica una sintesi dell'intervento di Luigi Ciotti, presidente del Gruppo Abele, all'assemblea dei Giovani imprenditori di Torino. 19.05.2016 | La Repubblica Cronaca Torino

  3. Nei Cinema: Era d'estate. Falcone e Borsellino all'Asinara

    Il film dopo il debutto all'ultima Festa del Cinema di Roma, arriva in sala con 01 per un'uscita evento il 23, 24 e 25 maggio in occasione della commemorazione dell'anniversario delle stragi di Capaci e via D'Amelio.