Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Ciclo di 3 incontri a Casa Cervi
Sabato 13, 20 e 27 febbraio 2016 dalle ore 10 alle 17, Via Fratelli Cervi n.9, Gattatico (Reggio Emilia)
Promosso da Libera e Istituto Alcide Cervi

In collaborazione con Associazione "Cortocircuito", Cooperativa "Papa Giovanni XXII", Istituto Superiore Magistrale "Matilde di Canossa", Istituto d'Istruzione superiore "Galvani-Jodi", Istituto Comprensivo di Torrile, Istituto d'Istruzione Superiore "Silvio D'Arzo"

"Espansione di Memoria" da tre anni indaga sul ruolo della testimonian­za nella costruzione delle competenze e delle coscienze. L'età contemporanea dispone ancora di questa "rapid ac­cess memory", la risorsa che, come la RAM dei dispositivi informatici, consente alla macchina sociale di funzionare cor­rettamente. La memoria è l'enzima che trasforma l'attualità in storia. In questi anni abbiamo indagato tutte le forme, le vulnerabilità, le ricchezze della testimonianza, anche nei suoi aspetti più difficoltosi.

L'alleanza tra memorie, che sottende al progetto di Espansione di Memoria quest'anno si concentra sulle buone pratiche, sugli strumenti per un'efficace valorizzazione (e tutela) della testimonianza in tre diversi contesti: la scuola, le istituzioni, l'associazionismo. Tre pubblici differenti, con diverse esigenze, in cui la memoria gioca ruoli diversificati, anche se cruciali. Lo scopo è riconoscere, prima di tutto, i linguaggi giusti per esprimere al meglio tutto il potenziale della testimonianza nei rispettivi ambiti.


 
 
 
 

Comunicati

  1. Criminal food, la sfida solidale di Ciotti e Caselli

    "Il settore agroalimentare è contaminato dalla mafia liquida, che proprio come l'acqua s'insinua ovunque, in ogni livello della filiera. Dobbiamo chiudere quei rubinetti". Non è un caso se nello slogan di Slow Food, oltre a buono e pulito ci sia il giusto. Articolo di Noemi Penna su La Stampa | 23 settembre 2016 

  2. La Provincia di Varese - Don Luigi e la sua forza nella bellezza delle montagne

    Francesco Caielli racconta l'incontro con don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di Libera, avvenuto in alta montagna dove "le urla sono ovattate e le differenze sono azzerate dalla bellezza e dalla fatica"

  3. Libera e Gruppo Abele aderiscono a Puliamo il Mondo

    Tra il 23 ed il 25 settembre migliaia di cittadini scenderanno in campo per dare un aiuto concreto al nostro stupendo territorio, troppo spesso vittima dell'incuria e dell'indifferenza generale.