Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Ciclo di 3 incontri a Casa Cervi
Sabato 13, 20 e 27 febbraio 2016 dalle ore 10 alle 17, Via Fratelli Cervi n.9, Gattatico (Reggio Emilia)
Promosso da Libera e Istituto Alcide Cervi

In collaborazione con Associazione "Cortocircuito", Cooperativa "Papa Giovanni XXII", Istituto Superiore Magistrale "Matilde di Canossa", Istituto d'Istruzione superiore "Galvani-Jodi", Istituto Comprensivo di Torrile, Istituto d'Istruzione Superiore "Silvio D'Arzo"

"Espansione di Memoria" da tre anni indaga sul ruolo della testimonian­za nella costruzione delle competenze e delle coscienze. L'età contemporanea dispone ancora di questa "rapid ac­cess memory", la risorsa che, come la RAM dei dispositivi informatici, consente alla macchina sociale di funzionare cor­rettamente. La memoria è l'enzima che trasforma l'attualità in storia. In questi anni abbiamo indagato tutte le forme, le vulnerabilità, le ricchezze della testimonianza, anche nei suoi aspetti più difficoltosi.

L'alleanza tra memorie, che sottende al progetto di Espansione di Memoria quest'anno si concentra sulle buone pratiche, sugli strumenti per un'efficace valorizzazione (e tutela) della testimonianza in tre diversi contesti: la scuola, le istituzioni, l'associazionismo. Tre pubblici differenti, con diverse esigenze, in cui la memoria gioca ruoli diversificati, anche se cruciali. Lo scopo è riconoscere, prima di tutto, i linguaggi giusti per esprimere al meglio tutto il potenziale della testimonianza nei rispettivi ambiti.


 
 
 
 

Comunicati

  1. Diari dai campi di Battipaglia (SA) | 2016


    Partecipare a un campo di E!state Liberi significa affrontare una settimana di incontro e confronto con ragazzi disposti a mettersi in gioco regalando un pò di tempo della propria estate all'impegno e formazione sui beni confiscati. Decisi di parteciparvi per continuare a coltivare il mio interesse sulla mafia che, nacque negli ultimi anni del liceo, grazie a un progetto su Cosa Nostra a cui partecipai. 

  2. Diari dai campi di Partinico (PA) | 2016

    È stata una delle esperienze più intense e formative che io abbia mai fatto. C'è stata una giusta distinzione tra momenti di leggerezza e unione tra noi ragazzi e momenti di serietà. Ho imparato molte cose sia ascoltando le testimonianze proposte sia  cooperando con gli altri ragazzi nel lavorare al bene confiscato.

  3. Diari dai campi di Castellammare del Golfo (TP) | 2016

    Il presidio "Piersanti Mattarella" in Castellammare del Golfo (TP) ha rappresentato un fondamentale tassello della mia vita. Le emozioni vissute in quei 7 giorni non sono minimamente spiegabili in poche righe.  Entrare nel bene il primo giorno ed uscirne il settimo rappresentano due momenti completamente differenti. La giornata cominciava all'alba.