Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Palermo: Moni Ovadia per la campagna Miseria Ladra

Il 1 febbraio 2016 alle ore 16:30 presso la Fiera del Mediterraneo Padiglione 3, ingresso libero da via Anwar Sadat 13, Palermo.

Alla presenza di Moni Ovadia, testimonial della campagna MISERIA LADRA, dialogheremo sulle emergenze attuali legate alle mancanze di diritti umani, di pace, di mobilità, alle crisi nel mediterraneo, alle cause delle guerre e delle diseguaglianze.

Interverranno anche: Fulvio Vassallo Paleologo avvocato, attivista, esperto di diritto d'asilo; Gregorio Porcaro Coordinatore di Libera in Sicilia; Adham Darawsha Presidente della Consulta delle Culture al Comune di Palermo; Don Enzo Volpe direttore Comunità Salesiana Santa Chiara; Nicola Teresi Presidente Emmaus Palermo e Referente Campagna Miseria Ladra;

 

Comunicati

  1. Corriere del Trentino | "Guerre, basta lacrime, bisogna agire"

    Don Ciotti a Dobbiaco per i Colloqui: Indignarsi è inutile. Serve impegno quotidiano. Articolo di Giancarlo Riccio sul Corriere del Trentino, 30 settembre 2016.

  2. Criminal food, la sfida solidale di Ciotti e Caselli

    "Il settore agroalimentare è contaminato dalla mafia liquida, che proprio come l'acqua s'insinua ovunque, in ogni livello della filiera. Dobbiamo chiudere quei rubinetti". Non è un caso se nello slogan di Slow Food, oltre a buono e pulito ci sia il giusto. Articolo di Noemi Penna su La Stampa | 23 settembre 2016 

  3. Puliamo il Mondo

    "Aderiamo a Puliamo il mondo perché è necessario riscoprire le responsabilità che abbiamo verso la Terra, base della nostra vita e nostra casa comune. Come dice papa Francesco, questione ambientale e questione sociale sono facce di una stessa medaglia. Ecco allora che ripulire il mondo non vuol dire solo liberarlo dalla sporcizia materiale, ma bonificarlo da quel diffuso inquinamento etico che genera disuguaglianze, esclusione, barriere fisiche e culturali" ha dichiarato don Luigi Ciotti, presidente di Libera e Gruppo Abele.