Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Ciao Roberto, il tuo esempio per dare forza al nostro impegno

Ciao Roberto,
sono passati 30 anni ma rimane ancora nella mente il sordo rumore degli spari che ti hanno portato via.
Roberto, fratellino mio, una vita immolata al tuo essere poliziotto animato dal dovere e dal senso di protezione nei confronti di chi era stato lasciato solo.
Hai scortato volontariamente il tuo capo Ninni Cassara', condividevi con lui il grande dolore della morte di Beppe Montana ucciso pochi giorni prima, con loro avevi diviso anni della tua vita nella squadra catturandi di Palermo.
Hai preso l'aereo e sei sbarcato a Palermo tra le lacrime e la forte volontà di prenderli.
Non riesco a cancellare dalla mente nulla di quella orribile giornata, dalla voce strozzata della zia che al telefono risponde "sì" alla mia tragica domanda.
Mille volte mi sono chiesto perchè.
Perchè mafia, potere, denaro, intreccio fatale, tutto come da copione. Ma non basta un ricordo nel giorno della ricorrenza della strage, serve un  impegno quotidiano, perchè è nel quotidiano che nascono e si radicano le trame mafiose, quelle trame che Beppe, Ninni e Roberto cercavano di combattere, di fermare.
Un manipolo di eroi senza mezzi decenti che cercava in tutti i modi di opporsi allo strapotere mafioso. Con coraggio spinto all'estremo ci avete lasciato qualcosa di indelebile, una traccia da seguire, un'indicazione precisa di vita spesa per e nella legalità.
Ma i proiettili, quei proiettili il 6 agosto hanno ucciso e fermato i vostri corpi, non le idee e la reazione civile di chi combatte l'essere violento che tutto
sfrutta e tutto mette in atto per il potere ed il denaro.
Nostra madre Saveria ha raccolto le idee e da allora non ha mai smesso di combattere, di trasmettere la memoria, finchè ha potuto, fino a diventare una delle fondatrici di Libera.
La sua testimonianza forte e dolorosa è stata trasmessa in ogni luogo dove poteva arrivare ed il tuo nome ed il tuo gesto hanno accompagnato il suo sorriso nelle scuole, nelle piazze ed in tutti i luoghi dove lei poteva arrivare.
Roberto, guardo una tua foto, il tuo sorriso, i tuoi riccioli che da 30 anni sono fonte di ricordi belli e dolorosi, ma anche di forte impegno per non farti dimenticare e per non rendere inutile tutto ciò che tu facevi.
Trent'anni sono passati, una vita spezzata ma sempre dolorosamente presente.
Quest'anno ho deciso di essere a Palermo il 6 agosto per le commemorazioni organizzate dalla Questura e dagli amici di Libera Sicilia.
A Roma, al Cimitero Flaminio, ci saranno gli amici di Libera Roma e del Presidio che porta il tuo nome e che racconta la tua e tante altre storie esemplari.  
Noi familiari di Libera ci stringiamo sempre forte in un abbraccio che non ha fine e che ci aiuta a trasformare il dolore in impegno per non vanificare tutto ciò che è stato fatto da loro e in loro memoria.
Parole contro proiettili
Parole contro bombe.
Parole sempre accompagnate da pratiche li libertà e di giustizia, che non ci facciano perdere la forza ma ci diano fiducia.
Parole e forza nell'abbraccio di chi ha perso una parte di sè ma non si arrende.
Parole e fiducia di poter cambiare le tante ingiustizie intorno a noi per la costruzione di un mondo migliore.
                                                                                                                

Alessandro
Palermo, agosto 2015

 
 

 
 

 

Comunicati

  1. Nasce la rete Numeri Pari | Rassegna stampa

    Nasce, dalla precedente esperienza della campagna contro la povertà del Gruppo Abele e Libera Miseria Ladra, il Movimento "Numeri Pari", una rete contro le disuguaglianze , per la giustizia sociale e la dignità. L'aggregazione di associazioni ed enti è stata presentata oggi a Roma; nel servizio del Tg3 le interviste a don Ciotti, presidente del Gruppo Abele e di Libera, e don Zappolini, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA).

  2. 19 condanne e 8 assoluzioni: si chiude il processo Condor

    È nel 1999 che il p.m. Capaldo, che ha guidato l'azione della pubblica accusa assieme alla Dottoressa Tiziana Cugini, inizia ad indagare sulla morte di alcuni sudamericani di origini italiane all'interno dell'Operazione Condor, la grande alleanza tra le giunte militari del Sud America e gli Stati Uniti contro il "pericolo rosso".

  3. Sentenza Condor - Martedi 17 Gennaio 2017, Rebibbia, Roma

    Dopo quasi due anni di dibattimento, 60 udienze e con l'audizione di decine di testimoni, esperti, familiari e compagni di prigionia delle vittime, il prossimo 17 gennaio dalle ore 9,30 si terrà l'ultima udienza nell'aula bunker di Rebibbia a Roma relativa al Processo Condor. A seguire nel corso della stessa giornata sarà emessa la sentenza per il sequestro e l'omicidio di 42 giovani, tra cui 20 italiani, avvenuti in Cile, Argentina, Bolivia, Brasile e Uruguay tra il 1973 e il 1978. Gran parte di loro sono ancora oggi desaparecidos.