Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

2 agosto 1980 | Chiediamo verità e giustizia

Il 2 agosto 1980, alle ore 10:25, una bomba esplose nella sala d'aspetto di seconda classe della stazione di Bologna. Lo scoppio fu violentissimo, provocò il crollo delle strutture sovrastanti le sale d'aspetto di prima e seconda classe dove si trovavano gli uffici dell'azienda di ristorazione Cigar e di circa 30 metri di pensilina. L'esplosione investì anche il treno Ancona-Chiasso in sosta al primo binario. La bomba era composta da 23 kg di esplosivo, una miscela di 5 kg di tritolo e T4 detta "Compound B", potenziata da 18 kg di gelatinato (nitroglicerina ad uso civile). Il bilancio finale fu di 85 morti e 200 feriti. La città reagì con orgoglio e prontezza: molti cittadini, insieme ai viaggiatori presenti, prestarono i primi soccorsi alle vittime e contribuirono ad estrarre le persone sepolte dalle macerie;  immediatamente dopo l'esplosione, la corsia di destra dei viali di circonvallazione del centro storico di Bologna, su cui si trova la stazione, fu riservata alle ambulanze ed ai mezzi di soccorso.

A distanza di 35 anni siamo vicini all' Associazione familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980 per non dimenticare e proseguire nel percorso di  memoria e impegno per chiedere verità e giustizia come ci ricorda Don Luigi Ciotti: "Quel 2 agosto del 1980 è una ferita che deve essere dentro il cuore di tutti noi. Le vittime anche per la strage di Bologna sono tutte morte per la democrazia e la libertà del nostro paese. Il bisogno di verità è un problema che tocca le nostre coscienze. E non dobbiamo permettere che siano uccise una seconda volta. Non è possibile che in Italia non si conosca la verità nemmeno di una strage. I famigliari delle vittime di mafia e di terrorismo chiedono una cosa sola: verità e giustizia. Ci sono troppi silenzi, troppe menzogne. Fare memoria è il presupposto indispensabile della giustizia. Abbiamo un debito con chi non c'è più. E quei morti li dobbiamo sentire ancora vivi, anche per le vie di Bologna: i loro sogni e speranze devono camminare sulle nostre gambe".

Don Luigi Ciotti e Libera hanno aderito alla petizione lanciata dall'Associazione tra i familiari delle vittime della strage del 2 agosto 1980: "Governo, rispettate le promesse!, con la quale si chiede a Renzi di dare seguito agli impegni presi per l'approvazione della legge sul depistaggio, la corretta applicazione della direttiva che rende pubblici i documenti sulle stragi e sblocco degli indennizzi ai familiari delle vittime.

 

Comunicati

  1. Libera aderisce alla petizione per garantire a tutti i pazienti affetti da Epatite C il diritto alla cura

    Petizione per consentire a tutti i pazienti di accedere a terapie efficaci, a carico del servizio sanitario nazionale. Produrre i farmaci anti-epatite C sotto forma di generici, a un prezzo ragionevole e accessibile, è consentito dallo stesso trattato che regola i brevetti attraverso il meccanismo della licenza obbligatoria, a cui si può ricorrere quando si verifichi un'emergenza nazionale di sanità pubblica. Per ottenere ciò è necessaria una forte spinta dal basso.

  2. Via D'Amelio, 24 anni dopo i ricordi dei familiari degli agenti della scorta del giudice Paolo Borsellino

    Certe memorie sono memorie di tutti, memorie collettive. Memorie che aiutano una società a non perdersi, a tenere fermi i valori di democrazia, libertà, giustizia, verità. Ma ricordare via d'Amelio - e tutte le altre stragi e vittime delle mafie - anche per sottolineare il legame tra la memoria e l'impegno. Le parole di don Luigi Ciotti e del settore memoria di Libera.

  3. Diari dei campi a Reggio Calabria "Le città invisibili" | 2016

    Inizialmente siamo arrivati tutti qui a Reggio Calabria e non c'è bastato nulla per stringere amicizie fra noi,dopodiché ci hanno fatto conoscere il luogo di lavoro un vecchio bowling confiscato alla mafia (Campolo) e dopo il primo giorno abbiamo lavorato tutti assieme con tutte le nostre energie per lasciare un nostro segno a questo luogo.