Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise PÓgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Bologna 21 marzo 2015 "La verità illumina la giustizia"

"La veritÓ illumina la giustizia", questo lo slogan scelto per XX Giornata delle memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Libera per la XX edizione ha scelto l'Emilia Romagna, ha scelto Bologna.

La Giornata della Memoria e dell'Impegno ricorda tutte le vittime innocenti delle mafie. Circa 900 nomi di vittime innocenti delle mafie, semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell' ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perchŔ, con rigore e coerenza, hanno compiuto il loro dovere.

Oltre che le vittime innocenti delle mafie, quest'anno verranno ricordate, in accordo con le associazioni dei famigliari , le vittime della strage del 2 agosto della Stazione di Bologna e le vittime della strage di Ustica, per le quali ricorre il 35esimo anniversario. Ma nei giorni che precederanno la manifestazione del 21 marzo sempre a Bologna si ricorderanno le vittime del genocidio di Sebrenica,  delle quali si celebrerÓ il 20 anniversario. Vittime innocenti delle mafie e vittime delle stragi, oltre che dal ricordo e dall'impegno di tutti, sono legate dalla domanda di veritÓ e giustizia che si alza forte ogni anno da parte dei loro familiari. Ancora oggi, infatti, per il 70% delle vittime innocenti di mafie non Ŕ stata fatta veritÓ e, quindi, giustizia. E lo stesso diritto alla veritÓ Ŕ ancora oggi negato ai familiari di chi ha perso la vita nelle stragi.

In preparazione della Giornata saranno promossi in tutta Italia iniziative che rientreranno in un cartellone comune denominato "100 passi verso il 21 marzo" (Info www.memoriaeimpegno.it)

Per le scuole, in collaborazione con Bologna Welcome, viene presentata una proposta di viaggio d'istruzione che ripercorre i luoghi della memoria emiliani, dalla seconda guerra mondiale, alle stragi di Ustica e del 2 Agosto 1980.
Dal 18 al 22 Marzo 2015 i ragazzi avranno la possibilitÓ di visitare il Sacrario di Marzabotto, il Parco storico di Monte Sole, Casa Cervi, la stazione centrale di Bologna, il Museo della Memoria di Ustica e di partecipare alle iniziative previste nell'ambito della XX Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Leggi tutto

Prossimamente verranno comunicati maggiori dettagli per aderire alla manifestazione, le proposte formative di Libera e tutte le informazioni relative alla  logistica e organizzazione della Giornata.




Per informazioni:
Segreteria.21marzo@libera.it
Tel. 0669770301
Cell: 3287273068

 

Comunicati

  1. "Legittima difesa": netta contrarietÓ da Libera Liguria

    "In merito alla legge approvata quest'oggi dal Consiglio Regionale della Liguria sulla cosiddetta "legittima difesa" desideriamo ribadire, dopo averlo fatto giÓ pi¨ volte in passato, la nostra netta contrarietÓ. In primo luogo, ci sembra illegittima l'equiparazione tra condotte lecite, poste in essere nei limiti dello scriminante della legittima difesa, e condotte illecite, poste in essere con eccesso colposo."

  2. Luigi Ciotti in ricordo del regista Giuseppe Ferrara

    "╚ stato un uomo di cultura generoso, scomodo, restio ai compromessi. Il suo cinema - anche nelle opere di finzione - si Ŕ sempre ispirato alla realtÓ, alle grandi questioni sociali e politiche del nostro tempo. Ha puntato la cinepresa sulle veritÓ rimosse e manipolate. Ha scandagliato nei misteri della nostra storia recente (dal rapimento Moro al delitto Sindona, dalla strage di Ustica alla morte annunciata di Carlo Alberto dalla Chiesa e di Giovanni Falcone)."

  3. Libera Puglia al fianco del Comandante della Polizia Municipale di Bitonto

    Libera Puglia rimarca la propria vicinanza, questa volta al Comandante della Polizia Municipale di Bitonto, Gaetano Paciullo, vittima di un atto intimidatorio che ha visto la sua auto data alle fiamme nella notte tra il 24 e il 25 giugno scorsi.