Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Azione di supporto ai Comuni impegnati nella gestione dei beni confiscati

Nell'ambito del Programma Operativo Nazionale "Governance e Azioni di Sistema" 2007 - 2013, Asse E - Capacità istituzionale (Fondo Sociale Europeo), a sostegno dei territori dell'Obiettivo convergenza, il Dipartimento della Funzione Pubblica, Ufficio per la formazione del personale delle pubbliche amministrazioni, ha affidato a Libera Associazioni Nomi e Numeri contro le Mafie, la realizzazione del progetto "Azione di supporto ai Comuni impegnati nella gestione dei beni confiscati".

Sulla base di un'attenta analisi territoriale, dal confronto con il committente e gli operatori territoriali si è scelto di eseguire le attività progettuali nei seguenti territori:

Calabria: Comune di Condofuri;

Campania: Comune di Napoli;

Puglia: Comune di Santeramo in Colle;

Sicilia: 8 Comuni della Provincia di Palermo (Altofonte, Camporeale, Corleone, Monreale, Piana degli Albanesi, Roccamena, San Cipirello, San Giuseppe Jato) facenti parte del Consorzio Sviluppo e Legalità

I criteri alla base della scelta dei comuni sono sintetizzabili nei seguenti punti:
- necessità di scegliere contesti territoriali differenziati, non solo dal punto di vista amministrativo e socio-economico, ma anche da quello della criticità e peculiarità legate all'iter di assegnazione e valorizzazione dei beni confiscati;
- replicabilità degli interventi e dei modelli studiati in altri contesti.
 
 


 
.
 
.
 
.
 
.
 

Comunicati

  1. La lezione di Rita Atria la ragazza che disse no alla schiavitù mafiosa

    Abbiamo ricordato Paolo Borsellino, non possiamo dimenticare Rita Atria. Il ricordo di don Luigi Ciotti su La Repubblica | 26 luglio 2017

  2. Il raduno di Libera porta a Cecina più di 250 ragazzi

    Oltre 250 ragazzi e ragazze provenienti da tutta Italia, da Torino a Palermo, in tenda per 5 giorni a Cecina, saranno protagonisti del VI appuntamento nazionale dei giovani di Libera. Leggi l'articolo pubblicato su Il Tirreno del 26 luglio 2017.

  3. Nota di Luigi Ciotti su minacce giornalista Repubblica

    Sappiano questi signori - che ieri hanno minacciato Salvo Palazzolo per aver informato delle misure preventive di confisca applicate ad alcuni "beni" della famiglia Riina - che esiste una Sicilia e un'Italia che s'impegnano per la libertà e la giustizia, e che di fronte alle minacce e alle menzogne non indietreggiano né tacciono.