Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

LIBERA - Associazioni, nomi e numeri CONTRO LE MAFIE
Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Emergenza terremoto centro Italia

 
  1. Rete solidale per aiutare le vittime del terremoto
    Nell'affettuosa vicinanza ai famigliari delle vittime, e a quanti si trovano tuttora dispersi, senza casa, e bisognosi di aiuto, Libera ha attivato i suoi presidi e referenti nelle zone del centro Italia devastate questa notte dal terremoto. Lo scopo è dare un piccolo ma concreto contributo a ricostruire una rete solidale per chi è stato così duramente colpito nei suoi affetti, nei suoi beni, nelle sue speranze. 


    Per chiunque voglia partecipare, il numero di conto corrente a cui fare riferimento è il seguente: 
    c/c intestato a Libera Associazioni, nomi e numeri contro le mafie
    Iban IT29 M 05018 03200 000000100068 

    causale: Terremoto centro Italia

     
 
 
 
 

 
  1. GIA' - Giovani InnovAzioni | 2016
    GIA' - Giovani InnovAzioni nasce dal bisogno di un nuovo paradigma di sviluppo economico e sociale, capace di valorizzare le risorse ambientali ed i beni comuni, ed in grado d'innescare politiche di sviluppo partecipate ed inclusive che possano stringere le maglie delle disuguaglianze dove si annidano mafie e corruzione. Attraverso il coinvolgimento delle Università, dei centri di Ricerca, delle Istituzioni e di esperti del Terzo settore e del mondo produttivo, GIA' vuole dare occasioni formative e di confronto a quei giovani desiderosi di impegnarsi in forme di autoimpresa sociale e solidale. 

     
 

 

[06/04/16] Estate 2016: campi di impegno e formazione sui beni confiscati alle mafie

E!State Liberi! è la rappresentazione più efficace della memoria che diventa impegno, è il segno tangibile del cambiamento necessario che si deve contrapporre alla "mafiosità materiale e culturale" dilagante nei nostri territori.

 

[18/08/16] Premio Angelo Vassallo 2016, candidature aperte fino al 30 settembre
Riconoscimento dedicato ai Sindaci italiani che mettono al centro delle loro azioni trasparenza, sviluppo sostenibile e crescita culturale dei territori.

 
 

[11/08/16] Sentenza Alex Schwazer, nota di Luigi Ciotti

Al di là dell'esito della pesante squalifica a otto anni che di fatto ne compromette la carriera sportiva, è sotto gli occhi di tutti come Alex Schwazer sia stato sottoposto a una procedura umiliante, con continui rinvii, che ne hanno logorato la dignità di persona che chiede verità e giustizia.

 

[05/08/16] Ninni e Roberto, la storia di due uomini
Quando ricordiamo Roberto Antiochia è impossibile non realizzare una forte associazione di idee con il suo "capo" Ninni Cassarà, con il quale è stato ucciso in un agguato il 6 agosto del 1985 e che nel caso di questi valorosi uomini non è stata una tragica fatalità, ma il frutto di una importante scelta professionale: combattere il malaffare mafioso pur nella consapevolezza del rischio, altissimo, a cui la stessa loro vita era sottoposta.

 
 
 
 
 

 
 
 
 
.
 
.
 
.
 

Comunicati

  1. Libera Puglia su vicenda Valenzano

    Sull'episodio del pallone aerostatico verificatosi nei giorni scorsi a Valenzano durante la festa patronale di San Rocco e ora oggetto di inchiesta della Dda di Bari e di una interrogazione parlamentare, aleggia il sospetto che si sia trattato di una esplicita dichiarazione di controllo del territorio da parte del locale clan Buscemi-Stramaglia. La vicenda riporta alla mente analoghi episodi verificatisi in altri comuni italiani durante le celebrazioni religiose, occasioni propizie per lanciare alla comunità riunita messaggi dissimulati più o meno facilmente interpretabili. 

  2. Antonio Scopelliti, un grande magistrato temuto per la sua intelligenza e per la sua onestà

    Lo chiamavano il "giudice solo". Antonio Scopelliti viene ammazzato il 9 agosto 1991 nella sua Calabria, vittima di un agguato mafioso, mentre era in auto, da solo e senza scorta.

  3. On line il programma del campo di E!state Liberi "Riconosci e combatti la corruzione"

    Dal 29 al agosto al 4 settembre a Castel Volturno si svolgerà il primo campo di E!state Liberi dedicato al tema della lotta e prevenzione della corruzione, organizzato dal settore dedicato che fa capo a Libera e Gruppo Abele e dagli operatori che gestiscono il bene confiscato di Casa Alice, della città casertana.