Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

LIBERA - Associazioni, nomi e numeri CONTRO LE MAFIE
Testata per la stampa

Contenuto della pagina

 

 
  1. Natale 2014
    "Coloriamo la speranza" è la campagna natalizia con la quale Libera supporterà alcuni progetti di recupero e riqualificazione di beni confiscati e di miglioramento delle attività svolte dalle Cooperative di Libera Terra. Attraverso l'acquisto dei gadget e delle confezioni regalo natalizie sarà possibile contribuire agli interventi straordinari previsti sui terreni confiscati alle mafie, oggi restituiti alla cittadinanza grazie alla legge 109/96. I progetti permetteranno di piantare alberi di ulivo e aranci, oltre che l'acquisto di strumenti da lavoro. Scegliendo Libera a Natale, contribuiamo non solo al rafforzamento delle esperienze sui beni confiscati legate a Libera Terra ma anche, attraverso i gadget, al consolidamento di altre esperienze di cooperative sociali impegnate nel recupero ecologico di materiali per la produzione di manufatti.

     
    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

     
  2. In nome del popolo inquinato: subito i delitti ambientali nel Codice penale
    Mai più disastri ambientali impuniti. Terra dei fuochi, Marghera, Taranto, Gela, Eternit, Valle del Sacco, Quirra: l'Italia non può più attendere. Con l'inserimento nel Codice penale dei delitti ambientali, in primis quelli di inquinamento e disastro, sarà possibile aiutare magistratura e forze dell'ordine ad assicurare alla giustizia i colpevoli di gravi reati ecologici e mettere un freno alle lucrose e - ad ora sostanzialmente impunite - attività dell'ecomafia e della criminalità ambientale.
     
    L'appello si può firmare su Change.org ai seguenti indirizzi: www.riparteilfuturo.it/delittiambientali

     

     
 

 

[22/12/14] Regoliamoci! 2014/2015: "Segui la traccia 
per far ripartire il futuro!"

Le iscrizioni al Concorso sono prorogate fino al 19 gennaio 2015.

 

[13/12/14] Biella: Campagna calore umano
Uno dei principali problemi che incontrano le persone che diventano povere e finiscono in strada, senza un tetto, è quello della fissa dimora. Per aiutarli possiamo contribuire in più modi, Libera Biella propone l'acquisto, al costo di 3 € al kg, di arance biologiche coltivate da cooperative di Libera Terra che operano su terre confiscate alle mafie.

 
 

[13/12/14] Corruzione: don Ciotti, bene nuovi interventi ma non bastano
"E' un passo avanti, ma certamente ci si aspettava molto, molto di più. Ci sono dei compromessi". Così il presidente di Libera, don Luigi Ciotti, ha commentato le misure del governo ricevendo il Premio Pegaso d'Oro dalla Regione Toscana.

 

[11/12/14] Le rappresentazioni della mafia: tra finzione e realtà
Il percorso Le rappresentazioni della mafia: tra finzione e realtà nasce dall'esigenza di riflettere su come i mezzi di informazione e le produzioni culturali facciano ancora fatica nel raccontare in modo approfondito il potere delle mafie e della corruzione da una parte, e sugli sforzi e le conquiste del movimento antimafia, dall'altra.

 
 
 
 
 
 
.
 
 
.
 
 
.
 
.
 
 

Comunicati

  1. Rai: pianificazione campagna di Libera

    Rai Radiotelevisione Italiana, pianificazione della campagna di Libera per il sociale (22 e 23 dicembre 2014)

  2. Sabato 20 dicembre su Rai1 "A Sua Immagine"

    (ANSA) - ROMA, 19 DIC - Nella puntata di A Sua Immagine, in onda domani su Rai1 alle 17.10 appuntamento con il commento al Vangelo affidato a don Luigi Ciotti.

  3. Nota di Libera su nomina Lo Voi nuovo Procuratore di Palermo

    Pur nel pieno rispetto del nuovo procuratore di Palermo, a cui vanno gli auguri di buon lavoro, del suo valore e della sua esperienza professionale non si può non rilevare come una magistratura divisa sugli stessi criteri di valutazione abbia finito per penalizzare candidature piu congrue sotto il profilo specifico delle competenze e delle professionalità richieste per guidare la Procura di Palermo, così fortemente impegnata in delicate e complesse indagini antimafia.